TIA Attacco Ischemico Transitorio


Quando i segni e/o sintomi caratteristici di un attacco ischemico, recedono all'interno delle 24 ore, si parla in questo caso di T.I.A. (Attacco Ischemico Transitorio).Un attacco ischemico transitorio, può durare pochi minuti o ore e scomparire completamente senza esiti.>
Transitorio, perché è una condizione di rischio, un campanello d’allarme, che può precedere un vero ictus.

Infatti il 20% dei casi di Attacco Ischemico Transitorio (TIA) evolvono in ictus entro l’anno. La scelta di ricorrere all’intervento medico, in seguito ad un attacco transitorio, spesso previene ictus fatali o gravemente invalidanti.
La finestra di tempo da non dover superare tra l' ictus e l'intervento medico, sia che si tratti di terapia trombolitica, ovvero lo "scioglimento" del trombo che impedisce il flusso sanguigno, sia che si intervenga per la riduzione dell'ematoma, è di circa tre ore. Rimane dunque il fatto che è fondamentale arrivare al più presto in ospedale, tanto che si parla di "golden hour" ovvero i sessanta minuti preziosi all'interno dei quali le cure adeguate possono non solo garantire la sopravvivenza ma anche limitare le conseguenze post ischemia.

Qui trovi la nostra newsletter, dove ogni giorno circa 20 tra pazienti, familiari e professionisti si iscrivono per ricevere gratuitamente altri contenuti speciali sull'ictus cerebrale ed il suo recupero. Il primo report sarà "10 cose che devi sapere sull'ictus"

2 commenti:

buonasera dottore, snuna donna di 35 anni è una settimana che noto delle anomali in e, una sera di quanche giorno fa mentre mi recavo a letto mi sn come paralizzata e nn riuscivo a parlare mi sforzavo ma nn riuscivo a muovere il braccio e la gamba sinistra , mi sentivo quasi soffocare ,dopo quest episodio tt i giorni ho un dolore fitto alla testa che percepisco di piu a lato sinistro,poi mi sono misurata la pressione ieri ed avevo la minima a 110 e la massima a 140 , il 18 aprile farò una risonaza. volevo sapere lei cosa ne pensa dovrei recarmi in ospedale?

Cara Antonella, l'iter più ragionevole in questi casi di fronte a questi sintomi è chiamare il 118, lì in ospedali svolgono tutti i controlli necessari per la diagnosi. Da quanto ho capito i sintomi più evidenti sono passati, ma ti consiglio comunque di vedere il tuo medico di famiglia per farti consigliare su come procedere

Posta un commento

lascia un commento